Strepitosa vittoria di Marta Bassino

Strepitosa anzi strepitosissima vittoria ieri di Marta Bassino nello slalom gigante di Kranjska Gora. L’atleta di Borgo San Dalmazzo (Cn) si è lasciata dietro tutte le migliori e pluri-vincenti avversarie che ha in coppa del mondo. E credo che in questo momento sia la più forte atleta presente,  per quanto riguarda la specialità dello slalom gigante. Il vostro SKIINFLUENCER fa una serie di considerazioni. Oggi la pista su cui hanno corso le ragazze – che è la pista dove normalmente si svolge lo slalom gigante maschile  –  era veramente difficile, dura e ghiacciata rispetto agli standard medi delle piste su cui corrono le ragazze in coppa del mondo. Oltre a ciò ovviamente Marta avendo vinto la prima manche è partita per trentesima e quindi ultima nella seconda. Provate a digitare su Google o comunque cercate delle immagini di Marta: è’ evidente quanto sia minuta ed esile in particolare rispetto alle sue avversarie. Guardate  una Petra Vlhova e la stessa sua compagna di squadra Federica Brignone, come praticamente quasi tutte le altre, hanno stazza decisamente superiore e lei spicca per la sua esilità. Era già così fin da bambina: io l’ho vista diverse volte dal vivo negli ultimi quindici anni ed essendo stata  una bimba esule e minuta,  questo mette ancora più in risalto sia le doti naturali che ha sia l’abilità tecnica che si è costruita in tanti anni  grazie alla sua intelligenza e capacità, grazie al lavoro che hanno fatto i  nostri colleghi allenatori che la seguono fin dai tempi della scuola di sci e dello sciclub. Questo bisogna mettere in evidenza perchè ogni atleta  di coppa del mondo ha iniziato come tutti noi facendo scaletta e spazzaneve con un maestro o una maestra che magari ha intuito le capacità e/o consigliato a papà e mamma di portarla avanti nello sci agonistico. Marta, nella gara ad oggi, ha fatto tra l’altro qualche errore quindi ha sicuramente enormi margini di miglioramento. E’ giovane e quindi veramente ci si apre il cuore di gioia perchè le italiane sono veramente un bel gruppo, eterogeneo, vanno d’accordo tra loro, si stimolano in allenamento e i risultati poi si vedono in gara. Questa è  una cosa fantastica perchè non c’è solo lei ma in altre discipline spiccano Sofia Goggia e alcune atlete più esperte come la Curtoni e tante altre.  Dobbiamo essere veramente orgogliosi delle nostre ragazze e di tutto il nostro sci al femminile. Davvero ci siamo tutti emozionati nel vederla  per l’enormità dell’impresa perchè ha veramente dominato con intelligenza e capacità, attaccando quando era necessario attaccare e cercando di difendersi nei punti difficili dove le condizioni di luce non erano delle migliori. La pista sicuramente selettiva, dove Marta non può sfoggiare la potenza fisica di atlete austriache, norvegesi e tedesche,  ha messo ancora più in risalto le sue straordinarie – ripeto straordinarie – capacità tecniche, il talento e l’intelligenza tecnica e tattica.

Brava, brava, brava, brava, Marta. Sei un orgoglio nazionale, avanti così perché tra poco ci sono i mondiali di Cortina in Italia dove potersi scatenare.